Ven03242017

Last updateSab, 25 Feb 2017 7pm

Back Sei qui: Home Notizie Tecnologia e sociale "Federica": portale di e-learning dell'Università napoletana

Tecnologia e sociale

"Federica": portale di e-learning dell'Università napoletana

este_13124408_52530

 Il rettore Guido Trombetti parla di "rivoluzione nel panorama didattico italiano". Renato Mannheimer, presidente dell'Istituto per gli studi sulla pubblica opinione, preferisce definirla "liberazione della conoscenza".

È "Federica", il portale di web learning dell'università Federico II di Napoli. Che dopo un anno di sperimentazione è stato presentato a Napoli dall'esperto di sondaggi e dai professori responsabili di "Federica", Giuseppe Marrucci, presidente del Centro di ateneo per i servizi informativi, e Mauro Calise, responsabile scientifico dell'e-learning d'ateneo.

Un portale il cui accesso è libero e gratuito per tutti. Lezioni on line, firmate dai docenti di tutte e tredici le facoltà della Federico II. "La nostra mission di università pubblica - spiega il rettore Guido Trombetti - ci ha guidati nel rimuovere qualsiasi password e limitazione all'accesso al sapere. Tutti possono accedere liberamente ai contenuti didattici e scientifici di Federica.unina.it per studiare, per approfondire le proprie conoscenze o temi di interesse professionale".

Il progetto "Federica" (il femminile del nome dell'ateneo) conta, tra l'altro, oltre 100 corsi, con tanto di sintesi delle lezioni, materiali per l'approfondimento, link a fonti scientifiche selezionate dai docenti, immagini e video. Tutto scaricabile su iPod: l'offerta di "Federica" è disponibile, infatti, anche in podcast, dunque fruibile attraverso i lettori multimediali di ultima generazione, "per portare con sé i materiali di studio - spiegano i responsabili - consultare e leggere le lezioni in qualunque momento e luogo".

"Con la diffusione delle nuove tecnologie il tempo è più mio - ha commentato Mannheimer - Posso decidere io quando vedere, mostrare, ascoltare. Posso "usufruire" del professore e delle lezioni dove voglio io. L' elemento fondamentale è quello della mia libertà. I giovani, e tutti gli utenti della rete, possono decidere quando e dove usufruire delle lezioni e di fonti autorevoli ed affidabili. È la liberazione della conoscenza scientifica".

I numeri di "Federica" valgono, da soli, a raccontare l'intento di rivoluzionare il panorama didattico di casa nostra: 2.000 lezioni, 20.000 immagini, 3.000 links, 1.600 documenti, 300 video, 600 podcast. Poi la Living Library, con 600 siti web selezionati tra le più accreditate fonti di conoscenza da un'équipe di esperti multidisciplinare e Federica 3D, ovvero la ricostruzione virtuale dell'ateneo con tutte le facoltà riunite in un'unica piazza.

"Federica" - aggiungono gli organizzatori dell'impresa - viene incontro alle diverse domande del pubblico studentesco: dai non frequentanti, che hanno così a disposizione gli elementi base di ogni lezione, a coloro che, dopo aver seguito il corso in aula, vogliono ripassarlo a casa o in treno; ai molti studenti che cercano di andare oltre la lezione approfondendone i temi grazie alle risorse web selezionate dai docenti.
"Federica" si rivolge anche alla vasta platea di coloro che, senza essere iscritti, vogliono cogliere l' opportunità di seguire a distanza un corso universitario offerto da uno dei più prestigiosi atenei italiani".

Vai al portale